Tutorial: la profondità dei files Raster, JPEG, DNG e Raw.

La profondità delle immagini digitali e le differenze di profondità spiegate facilmente!

Profondità: la quantità di memoria dedicata a contenere le informazioni colore di ogni pixel, ovvero il numero di bit utilizzati per ogni pixel, indicato in BPP (Bit Per Pixel). Maggiore è la memoria dedicata ad ogni pixel, maggiori sono i colori descrivibili.

Tutorial: la profondità dei files Raster , JPEG, DNG e Raw. La profondità delle immagini digitali e le differenze di profondità spiegate facilmente!Bit-Depth-and-Tonal-Range-Graphs-in-Color

Abbiamo già detto che per profondità si intende lo spazio di memoria messo a disposizione per contenere le informazioni sullo spazio colore e, quindi anche di luminosità.

Infatti, la luminosità di un file raster, è determinata semplicemente cambiando il colore dei pixel che compongono l’immagine, cambiando numericamente il loro codice colore, con codici aventi numeri più alti nella scala RGB, e quindi più chiari. Se una immagine è molto scura, avremo molti pixel neri R0,G0,B0, mentre se una immagine è molto chiara, avremo molti pixel bianchi R255,G255,B255.

Nei files JPEG, questi codici colore sono indicati da un codice binario, e più lungo è questo codice, più spazio di memoria occupa.

Questa è la profofondità dell’immagine raster:

La quantità di memoria dedicata a contenere le informazioni colore di ogni pixel, ovvero il numero di bit utilizzati per ogni pixel, indicato in BPP (Bit Per Pixel).

Possiamo avere file *.JPEG con profondità 8 bit, mentre i file *.Raw generalmente hanno spazio di memoria 12, 14, o 16 bit.

Questo significa che il codice numerico binario con cui si identificano i colori può avere lunghezza 12, 14, o 16 caselle. In pratica è la lunghezza della ‘combinazione’ numerica che definisce la tonalità colore di ogni singolo pixel.

Tutorial: la profondità dei files Raster , JPEG, DNG e Raw. La profondità delle immagini digitali e le differenze di profondità spiegate facilmente!Bit-Depth-and-Tonal-Range-Graphs-in bw

Cosa comporta questa differenza?

Hai presente il numero di rotelline con cui puoi impostare la combinazione numerica con cui apri la valigia o trolley che porti in aeroporto? Hai presente il numero di cifre che compongono le varie password che usi in internet? Ecco, più lunga è la combinazione/password, più è “sicura” e “precisa”.

Se in una immagine, puoi specificare le varie tonalità colore con combinazioni numeriche binarie di 16 cifre, potrai ovviamente definire molte più tonalità intermedie tra i colori e la luminosità.

Se invece per specificare i colori di ogni pixel puoi usare solo 8 cifre binarie, avrai molte meno possibilità per definire le tonalità intermedie.

E’ la stessa differenza che c’è tra l’entrare a fare la spesa al supermercato con un sacchettino dove poter contenere pochi oggetti, oppure entrare con un carrello che possiamo riempire di oggetti e scatoloni di cose utili per la nostra dispensa.
Oppure, se preferite, è la stessa differenza tra un dizionario di 80 pagine ed un dizionario di 160 pagine: nel dizionario più grande avremo più informazioni, più dati, più precisione dei vocaboli.


Facile, sì? Iscriviti anche tu alla nostra Newsletter mensile per ricevere altri tutorial:
  • tutte le notizie sui prossimi eventi, concorsi e incontri gratuiti;
  • date dei corsi, workshop e modelsharing;
  • tutorial e lezioni gratuite su Adobe® Photoshop®, Lightroom®, Camera Raw®, Adobe® Premiere® e Phase One® Capture One® Pro!

Iscriversi è gratis! Compila subito il modulo con i tuoi dati :

ACCETTO | Dichiaro di aver letto e di accettare la politica di privacy ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed esprimo il consenso al trattamento dei miei dati personali a fini promozionali e commerciali.


Altre informazioni e dettagli: Iscriviti alla Newsletter  | Lezioni di Fotoritocco a Padova